Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
9 maggio 2012 3 09 /05 /maggio /2012 08:49

Lettura biblica: 1 Tessalonicesi 5: 23

 

Bibbia liume “Or l'Iddio della pace vi santifichi Egli stesso completamente; e l'intero essere vostro, lo spirito, l'anima ed il corpo, sia conservato irreprensibile, per la venuta del Signore nostro Gesù Cristo”.

   

     Paolo, l’Apostolo, per rivelazione divina chiarisce un concetto poco conosciuto nel mondo religioso, soprattutto in quello: “Cristiano”. Quanti di noi ci rendiamo conto che siamo una trinità? Anima, corpo e spirito, che vanno conservati puri? L’Anima, appunto, è la parte spirituale e immortale dell'uomo, quella che deve essere santificata e conservata irreprensibile per la venuta del Signore nostro Gesù Cristo, senza trascurare il corpo e lo spirito. La prospettiva d’essa è gloriosa perché essa godrà per l’eternità... Gesù affermò ai discepoli (Di ritorno dalla missione mandati due a due), tutti allegri per aver costatato che i demoni stessi gli erano sottoposti; “Tuttavia, non vi rallegrate perché gli spiriti vi sono sottoposti, ma rallegratevi perché i vostri nomi sono scritti nei cieli” (Luca 10: 20). 

La morte di Cristo e la sua risurrezione ci danno certezza di questo grande onore e gloria; Egli, ci assicura di questa nuova: “Ubicazione”, procurataci per la fede in Lui. Com’è diverso, nella sostanza, la condizione dei credenti, rispetto a quella dei non credenti in Dio. La condizione presente e futura di quelli che sono stati uniti a Cristo, mediante la fede è una pacifica attesa. Siamo certi di avere un posto in cielo. L’Epistola agli Efesini 2: 6, lo dichiara apertamente, “Agli occhi di Dio noi siamo già seduti nei luoghi celesti”. Alla resurrezione… quello che abbiamo per fede diventerà una realtà, i nostri corpi terrestri saranno trasformati in corpi gloriosi come il Suo (Filippesi 3:21). Sarà allora che il nostro stato di cittadini celesti sarà manifesto. Si racconta che Federico il Grande di Prussia, tenne un banchetto al quale era presente anche Voltaire, il celebre filosofo francese noto per essere un’indifferente. Questi iniziò ad irridere i cristiani presenti e, alla fine, esclamò: "Sono pronto a vendere il mio posto in cielo per una moneta prussiana!"

Ci fu un attimo di sconcerto e calò il silenzio, poi uno degli ospiti si alzò dal proprio posto e disse, "Signore, voi siete in Prussia, dove la legge prevede che chi vende qualcosa debba prima provare di esserne il proprietario; siete in grado di dimostrare di possedere un posto in cielo?". Sorpreso e imbarazzato, Voltaire, che di solito era un sagace dissacratore, non aprì bocca per il resto della serata.La santificazione fa parte di un cammino di fede… Paolo così si esprime:“Parlo alla maniera degli uomini, a causa della debolezza della vostra carne; poiché, come già prestaste le vostre membra a servizio dell'impurità e dell'iniquità per commettere l'iniquità, così prestate ora le vostre membra a servizio della giustizia per la santificazione” (Romani 6: 19). Nel momento in cui riceviamo Gesù come nostro Salvatore con tutto il cuore, un mutamento avviene: nel nostro carattere e nell’etica e siamo azionisti delle ricchezze eterne. “Chi vince sarà così vestito di vesti bianche, ed io non cancellerò il suo nome dal libro della vita, e confesserò il suo nome nel cospetto del Padre mio” (Apocalisse 3: 5).

Condividi post

Repost0

commenti